omeostasi con la floating therapy

OMEOSTASI CON LA FLOATING THERAPY

Il primo scienziato a sviluppare un modello convincente dell'interazione trapsiche e soma (cellule, neuroni, ecc..) è stato Walter B. Cannon, 

nel suo influente libro “The Wisdom of the Body” pubblicato nel 1932. Una delle idee centrali di Cannon era che il corpo

ha una saggezza intrinseca che consiste in un sistema di auto-monitoraggio e di auto-regolazione molto sensibile, centrata nell'ipotalamo che lavora
costantemente per mantenere il corpo in uno stato ottimale di bilanciamento, armonia, equilibrio e stabilità. Questo stato ottimale, in cui tutte le parti e
i sistemi interagiscono correttamente, è chiamata omeostasi.

Dal momento che il corpo è in continua evoluzione deve averea che fare con il mutare delle condizioni, qualsiasi meccanismo per mantenere
il corpo in equilibrio deve essere in grado di mantenere la stabilità nel mezzo del flusso, deve rispondere con capacità di adattamento infinita a un ambiente
in continua evoluzione. In altre parole, l'omeostasi è relativa: un processo, piuttosto che uno stato predeterminato.

La singola esperienza del floating in vasca chiusa, quindi deprivazione sensoriale, apporta dei cambiamenti misurabili al corpo che a loro
volta influenzano lo stato d’animo; allo stesso modo la stessa esperienza apporta dei cambiamenti nello stato d’animo che influenzano il corpo. 

Nulla può esistere senza l’altro, non sono affatto sistemi separati, ma bensì uno solo, creato tra il rapporto di equilibrio e di interazione tra i due.

Perché la vasca floating è efficace nel promuovere l'omeostasi?
Se vediamo la mente/corpo come un unico sistema, allora diventa chiaro che gli stimoli esterni stanno costantemente militando contro l'equilibrio del sistema:
ogni rumore, ogni grado di temperatura al di sopra o al di sotto del livello ottimale del corpo, ogni incontro con altre persone, ogni sentimento di responsabilità,
senso di colpa, desiderio, tutto ciò che vediamo e sentiamo interrompono costantemente ed influiscono sul nostro sistema di autogestione, inducendolo a
consumare più energia per mantenere il suo equilibrio omeostatico.

Ma quando si entra nella vasca Floating, l’ambiente interrompe bruscamente la sua costante alterazione. Finalmente il nostro sistema è in grado di sperimentare se stesso come un'unica integrale, entità unificata. Poiché non ci sono minacce esterne non c'è bisogno di adattarsi a eventi esterni, non ci sono imprevisti, il sistema può dedicare tutte le sue energie al ripristino di se stesso. E 'come se sospendessimo il gioco della vita, permettendo al nostro corpo di prendere una pausa e di ristabilire la
normalità. Lo stato normale, naturalmente è la salute, il vigore, l'entusiasmo, e l’immenso piacere di essere vivi.

0 0
Feed